Speciale O&M

17 giu 2013 - Admin246
eventi-banner-speciale

In questo Speciale di Qualenergia.it, dal titolo “Operation & Maintenance degli impianti fotovoltaici”, curato dall’Ing. Alberto Panzera, esperto del settore, partendo dallo scenario attuale, si sono volute tracciare le possibili evoluzioni del servizio di O&M, analizzandone contenuti e modalità di erogazione e ipotizzando le evoluzioni di questo servizio nel mercato fotovoltaico 2.0.

Numerosi accordi O&M redatti in maniera superficiale e in una fase concitata in cui tutti gli sforzi erano dedicati alla costruzione degli impianti stanno mettendo in difficoltà più di un attore della filiera: proprietari degli impianti, banche, EPC, O&M Contractor.

Il mercato del fotovoltaico italiano inizia a fare i conti con i problemi concreti che quotidianamente si manifestano nella gestione e manutenzione degli impianti. Per poter garantire il ritorno atteso dell’investimento sostenuto è dunque necessario porre particolare attenzione alle attività di gestione e manutenzione del proprio impianto.

I soggetti che vogliono operare efficacemente in questo mercato, devono adeguare strumenti, competenze e processi aziendali al fine di poter garantire al cliente finale un servizio efficiente, in grado di rispondere velocemente e con professionalità ad aspetti di carattere non solo tecnico ma anche amministrativo.

L’enorme parco installato apre prospettive molto interessanti per tutti quei soggetti che saranno in grado di intercettare i bisogni dell’utente finale fornendo soluzioni concrete, strutturate e definitive ai problemi quotidiani che si manifestano in campo. Va comunque precisato che in un mercato del fotovoltaico costituito da segmenti diversi servono servizi diversi.

Nello Speciale si spiega inoltre come il servizio di O&M può e deve diventare un’opportunità per gli operatori e non solo una necessità per far fronte agli impegni presi in fase di costruzione. È possibile costruire una strategia di sviluppo basata su questo servizio, ma per poter generare valore è necessario investire e dotarsi di sistemi e processi adeguati, ed è imprescindibile disporre di una organizzazione competente e distribuita sul territorio.

Nel corso del 2013 molti contratti di O&M verranno rinegoziati e questo fatto rappresenta un’ulteriore opportunità per chi vuole entrare in questo segmento di mercato. Per farlo si dovranno unire competenze squisitamente tecniche e competenze “commerciali” e di “marketing” per intercettare i bisogni del mercato.

Infine, come afferma Panzera, la relazione tra il fornitore del servizio di O&M e il cliente finale dovrà assomigliare più ad una partnership piuttosto che a un contratto di servizio. La logica dovrebbe essere sempre ‘win-win’.

VAI ALLO SPECIALE  

VAI ALLA SCHEDA ENERGY INTELLIGENCE